Autore: redapost

Anticoncezionali quali metodi scegliere?

Il tema appena sopra dal titolo evidenziato, è tema che ha sollevato polemiche, discussioni, interpretazioni e quant’altro nel corso della storia, visto che pillola e preservativo sono ad esempio assai diverse e se gli anticoncezionali orali sono ben più invasivi del preservativo, è logico che questo ponga la questione sull’impiego.

Le pillole anticoncezionali di oggi sono assai meno invasive di quelle del passato ma tra effetti collaterali, interazioni, situazioni nelle quali la pillola (abbreviato) non si possa assumere sono moltissime.

In più si parla di controllo e il corpo ha sue dinamiche specifiche che mantengono un equilibrio, l’insorgere della malattia o di sintomi specifici può invece indicare che qualcosa è fuori equilibrio. I metodi contraccettivi come detto sono molti e spesso viene chiesto solo alle donne di adottarli, mentre quelli che adottano gli uomini sono assai meno invasivi.

Le varie pillole anticoncezionali

Pillola cerotto

pillola piuma

piccola caramella

tanto per citarne alcune, ma tutte queste pillole a quali rischi portano?
Da segnalare e lo sanno bene le donne che la assumono, in primis i rischi relativi alla salute fisica poi ci sono i rischi più nascosti, il cui peso spesso estremamente rilevante viene taciuto oppure  minimizzato, che cosa perde una donna inibendo il suo ciclo mestruale?
Quando all’inizio parlavamo di equilibrio, si parlava di natura, il mestruo è quella che in temi olistici viene definita come purificazione mensile del corpo della donna, inibirlo o alterarlo espone quindi la donna a conseguenze di diversa entità.

Gli organi che subiscono l’irruenza della pillola anticoncezionale

Primo tra tutti gli organi va segnalata la mammella, in questo caso un periodo protratto di assunzione degli estroprogestinici appunto farmaci a base di estrogeni e di progesterone, che sono gli ormoni femminili, non aiuta la mammella che risponde con tensione e dolore soprattutto prima del mestruo.

Le donne che hanno familiarità con il tumore mammario e le donne che sviluppano una mastopatia fibrocistica ovvero una patologia di tipo benigno della mammella dovrebbero valutare attentamente, con il proprio medico se sia il caso di assumere questo farmaco anticoncezionale.

Vi è poi la questione sul sistema circolatorio in tale questione vene e arterie che soffrano molto la presenza estrogenica, appaiono immediatamente dopo pochi mesi dall’assunzione della pillola come sintomi, in via cautelativa se tale circostanza vi riguardasse, è bene consultare il medico richiedendo degli esami per la coagulazione, al fine di accertare che non ci sia una predisposizione al fenomeno della tromboflebite.

Restano ulteriori due aspetti da prendere in considerazione preventivamente se si decide di assumere o si pensa di assumere questo anticoncezionale:

  • Quello relativo al sistema linfatico
  • Quello relativo all’apparato genitale

Per il primo aspetto dei due punti evidenziati ci si deve focalizzare sulla ritenzione idrica che rappresenta un cruccio femminile durante l’assunzione della pillola. La cellulite va ad aumentare e i liquidi ristagnano.
Per quanto riguarda l’apparato genitale di tanto in tanto, ovvero almeno ogni due-tre anni, la pillola va interrotta per non incorrere nel classico effetto collaterale che i medici definiscono come: amenorrea post-pillola, un fenomeno piuttosto inquietante e molto pervasivo dell’equilibrio femminile.

Read Full Article

Cosa è lo stress

Tutti noi, oggi giorno, viviamo in un mondo frenetico e caotico, siamo ricchi e stracolmi di impegni e pensieri, problemi e scocciature da dover affrontare sistematicamente e quotidianamente. Purtroppo tutto questo ha inesorabili conseguenze sulla nostra psiche tanto da renderci nervosi, scontrosi e qualche volta anche antipatici.

In altre parole stiamo vivendo una fase più comunemente ribattezzata come stress, ovvero quel periodo di vita dove le nostre sfere sociali, emotive e cognitive subiscono traumi che si trasformano in inevitabili reazioni psicofisiche.

Esistono due tipologie di stress: quella acuta e quella cronica. Nel primo caso lo stress si verifica una volta solamente e ha un periodo di tempo assolutamente limitato. Nel secondo caso, invece, il problema è ben più grave tanto da ripresentarsi con una certa frequenza e con durata assolutamente longeva. Il tutto, ahimè, può avere ripercussioni sulla vita sociale di un soggetto tanto, in alcuni casi, da renderlo addirittura sociopatico .

Sintomi dello stress

I sintomi che anticipano o quantomeno presentano lo stress possono essere molteplici: noi ci limiteremo ad annoverarvi i principali.

  1. Sintomi di natura fisica: un soggetto può ritenersi stressato anche quando accusa mal di testa, tensione muscolare su collo e spalle, vertigini, continue indigestioni, perdita di appetito, problemi di sonno, di agitazione e anche sessuali;
  2. Sintomi comportamentali: in questa fascia rientrano comportamenti quali digrignare i denti, alimentazione compulsiva, problemi di concentrazione, aggressività, agorafobia e assunzione di sostanze alcoliche in quantità esagerate;
  3. Sintomo emotivi: ovvero rabbia, ansia, infelicità, pianto, insoddisfazione, agitazione e senso di impotenza;
  4. Sintomi di natura cognitiva: problemi nell’apprendere, problemi di memoria, distrazione, preoccupazione, assenza di creatività e del senso dell’umorismo.

Come rimediare allo stress

Prima di ipotizzare l’uso di medicinali che, a prescindere da tutto devono essere prescritte solo da medici, si possono provare tanti altri rimedi di natura certamente meno invasiva. Proviamo a citarne alcuni:

  • Fare, nel tempo libero, ciò che più piace. Ad esempio se piacciono i film ritagliarsi un paio di orette per dedicarsi al mondo cinematografico (noi spassionatamente vi consigliamo di vedere se mi lasci ti cancello in streaming);
  • Circondarsi di persone fidate che ci facciano ridere;
  • Prendersi cura di sé stessi;
  • Fare yoga e meditazione;
  • Ascoltare tanta musica (gli esperti consigliano quella classica);
  • Fare lunghe passeggiate da poter scaricare la tensione.

Insomma di metodi per combattere lo stress ce ne sono tanti. In fondo in fondo siamo tutti un po’ stressati ma per superare questa fase basta veramente poco…

Read Full Article

Qualche info in più sull´inseminazione artificiale

Questa procedura medica/biologica rientra nel campo della fecondazione assistita, nella quale vengono inseriti nell’utero il liquido seminale maschile come scorciatoia per farlo riuscire ad arrivare alle cellule ovulo.

Questa tecnica (l’inseminazione artificiale) inizialmente si usava quando c’erano problemi di una certa entità da parte dell’uomo, come ad esempio l’impotenza e conseguentemente il liquido seminale maschile non arrivava a destinazione, in seguito venne poi anche usata quando era l’uomo a non essere fertile.
Nei casi normali quando l’uomo espelle il liquido seminale, un numero notevole di spermatozoi arriva nell’utero femminile, questo produce una sorta di mucosità e con tutta una serie di processi biologici e fisici, questi arrivano nella destinazione giusta per permettere al corpo femminile di creare il processo di fecondazione.
Tutto questo discorso medico/fisiologico/biologico serve principalmente per far capire che ci deve essere un certo numero di spermatozoi che raggiungano la destinazione designata affinché ci possa essere il suddetto processo di fecondazione.

Se il numero di spermatozoi che arriva a destinazione è basso, questo processo non avrà luogo nella donna.

Perché è necessario sottoporsi al processo di inseminazione artificiale

Basandosi su queste premesse si potrà capire perché a volte sia necessario sottoporsi al processo di inseminazione artificiale, in questo caso la presunta “colpa” del fallimento ad avere un bambino non sarà imputabile alla donna, come spesso avviene. 
Non è poco comune inputare la condizione di infertilità alla donna.
Fortunatamente l’uguaglianza dei sessi e la scienza moderna possono attribuire la giusta responsabilità al partner corretto della coppia.

Tornando a noi e al nostro processo di inseminazione, questo è la soluzione alla infertilità maschile causata dagli aspetti che abbiamo visto poco fa.
In questo modo la quantità di spermatozoi che raggiunge l’utero femminile sarà sufficiente per produrre finalmente la tanto desiderata fecondazione.
Con l’inseminazione artificiale si eliminano anche altri fattori problematici riguardanti gli spermatozoi, tipo quello della qualità dello spermatozoo in questione, cioè che abbia tutte le caratteristiche necessarie e richieste affinché la fecondazione possa avvenire, per cui potremo dire che gli spermatozoi che vengono usati in questo processo di inseminazione sono spermatozoi d’élite, o se vogliamo usare un’altra iperbole, DOC.
Una particolarità che è però logica, sta nel fatto che non saranno obbligatoriamente gli spermatozoi dell’uomo, che è parte della coppia con problemi di infertilità, ad essere usati per la fecondazione.
Se dopo esami accurati viene rilevato che gli spermatozoi dell’uomo non hanno le giuste caratteristiche per causare una gravidanza nella donna e la donna in questione non presenta alcun problema di fertilità, allora si dovrà conseguentemente usare degli spermatozoi provenienti da una terza persona non conosciuta alla coppia.
Questo tipo di inseminazione artificiale viene detta eterologa e per quanto riguarda la donna gli spermatozoi possono essere inseriti in due parti relative al suo utero, di cui una è proprio all’interno di questo, tale tipo di inseminazione viene chiamata col nome di inseminazione artificiale intrauterina ed è considerata essere la più efficace.
Se ci si chiede perché si parla tanto di inseminazione artificiale si rende noto che poco meno di cinquanta milioni di coppie nel mondo presenta problemi di infertilità.
Se si considera la percentuale dei sette miliardi di persone che sono presenti su pianeta Terra, si vedrà che non è certo una percentuale da poco anche meno di cinquanta milioni (per cui quasi 100 milioni) di persone coi problemi relativi ad avere un bambino.
Ma siamo nel 2018 e le scienza, la biologia e le moderne innovazioni tecnologiche hanno portato ad uno sviluppo decisamente non indifferente nel campo della inseminazione artificiale(per usare un eufemismo).
Esiste una tecnica già provata in diversi paesi quali USA, Giappone ed altri, che dovrebbe essere innovativa rispetto alle tecniche quali la fecondazione in vetro e la stimolazione dell’ovulazione chiamata Augment, tale processo è stato ovviamente testato ed analizzato da specialisti scientifici in questo campo che ne assicurano l’efficacia.

Per dirla sinteticamente e semplicemente aggiungendo dei mitocondri (che sono elementi presenti nelle cellule che servono alla respirazione e all’energia) agli ovuli, questi ricevono più energia (a livello di cellule) e come conseguenza di ciò acquisiscono maggiori capacità di essere fecondati e di svilupparsi.
Oltre agli spermatozoi gli ovuli sono un altro componente fondamentale per il processo di fecondazione femminile.
Come tutte le nuove scoperte questa è ancora in fase di discussione c’è chi la approva totalmente mentre altri la guardano con sospetto.

Read Full Article

Miele e salute

 

Il miele oltre a essere un cibo delizioso e molto dolce si caratterizza perché permette di ottenere numerosi benefici dal punto di vista della salute.

Negli ultimi anni si sono fatti numerosi studi riguardo ai benefici del miele e questo ha portato ad un aumento della vendita miele artigianale online come quella che viene fatta da Rifugio Delizia.

I benefici del miele artigianale

 Sono molti i casi in cui il miele viene usato accompagnato alle medicine per cercare di risolvere problemi di salute ed è consigliato usarlo con i bambini, dopo che questi abbiano compiuto il primo anno di vita, perché prima di portare a delle infezioni portate dalla tossina botulinica o a eventuali reazioni allergiche.

Scopriamo quali sono i principali benefici sull’organismo che si ottengono dal miele.

Sedativo per la tosse

 Secondo gli studi che sono stati fatti dall’Università di Tel Aviv, è stato riscontrato che il miele può essere considerato con un sostitutivo degli sciroppi per tosse.

Il miele è sempre stato usato come sedativo per la tosse e, infatti, i famosi rimedi della nonna prevedevano di prendere un cucchiaio di miele o metterlo nel latte caldo e prenderlo prima di andare a dormire per curare la tosse in sostituzione di altri medicinali.

Proprietà antibiotiche

Il miele viene usato anche come proprietà antibiotica per quello che riguarda la pelle, infatti, è perfetto come accompagnamento di penicillina e pomate per la cura di ustioni e abrasioni.

Uno studio fatto in Nuova Zelanda ha riscontrato la presenza nel miele di una grande quantità di perossido d’idrogeno che permette quindi di essere un ottimo disinfettante per ferite.

Proprietà antinfiammatorie

Un’altra importante proprietà che possiede il miele è di antinfiammatorio, ottimo per guarire le punture d’insetti.

Attraverso le sue proprietà specifiche, il miele permette quindi di andare a diminuire quello che il prurito e il rossore che vengono provocati dalle punture di zanzara e api.

Antiossidante

Il miele è considerato un antiossidante naturale per eccellenza avendo una grande quantità di polifenoli e permette quindi di andare a prevenire diverse malattie e permette di rallentare quelli che sono i processi d’invecchiamento dell’organismo.

È molto salutare anche per il cuore e per liberare i radicali liberi.

Curare l’acne

 Come abbiamo visto il miele è molto curativo in particolar modo per la pelle e secondo alcuni studi questo possiede proprietà curative anche per quello che riguarda l’acne, poiché viene considerato un ottimo antinfiammatorio della pelle.

Gli effetti positivi del miele per quello che riguarda l’acne vanno ricercati nelle sue proprietà antibatteriche.

 

 

 

 

Read Full Article

PECHINO, 26 giugno 2018 /PRNewswire/ — JA Solar Holdings Co., Ltd. (Nasdaq: JASO), un produttore leader mondiale di prodotti per energia solare a elevate prestazioni, ha annunciato oggi di aver vinto il premio ‘Top Brand PV Seal 2018’ (Miglior marchio FV sigillo di garanzia 2018) dell”EuPD Research in Australia.

L” EuPD Research è un ente molto conosciuto nell”industria del fotovoltaico. Basandosi su indagini complete tra le aziende che si occupano di installazione di fotovoltaico e utenti finali in Australia, l”EuPD Research conferisce un sigillo di garanzia alle aziende eccellenti che ottengono buoni risultati sotto ogni aspetto. I risultati del sondaggio sono un”importante referenza per i clienti che selezionano prodotti fotovoltaici di alta qualità. Da quando la JA Solar è entrata nel mercato australiano nel 2013, ha ricevuto numerosi riconoscimenti e feedback positivi in merito ai suoi prodotti ad alte prestazioni e grazie al suo eccellente servizio clienti. Le spedizioni di JA Solar sono sempre state in una posizione di rilievo. Nel 2017, JA Solar ha coperto il 15,3% del mercato FV in Australia.

In quanto possessori del brevetto PERC, i prodotti PERC di JA Solar ad alte prestazioni hanno successo nel mercato australiano, in particolare i moduli bi facciali a doppio vetro e i moduli PERC semi cella. Attraverso anni di lavoro, JA Solar ha stabilito cooperazioni a lungo termine con molte società famose in Australia.

Cao Bo, Vicepresidente di JA Solar, ha commentato: ‘JA Solar ha aperto una sua succursale in Australia nel 2013. Abbiamo inoltre aperto punti vendita locali e una piattaforma di supporto per poter garantire ai clienti dei servizi puntuali, di alta qualità e mirati. Con un”ulteriore espansione nel mercato australiano, JA Solar continuerà ad aggiornare le tecnologie e migliorare le soluzioni di servizio, garantendo ai suoi clienti moduli solari di elevata affidabilità e di servizio superiore.’

Richieste dei media:

Xiaorui Sun
+86-10-6361-1888 x1698
bj.sunxr@jasolar.com  

 

Read Full Article

Stilista portoghese/angolana con l”unico showroom per celebrità femminili di tutto il mondo

Rose Palhares è la stilista di moda responsabile dell”unico spazio dedicato alla moda al maggiore evento della televisione internazionale. In programma a Monaco dal 15 al 19 giugno, la 58[ª] edizione del Festival della televisione di Monte Carlo è in prima linea nella promozione di attori e attrici di grande talento associati a molti dei programmi e delle serie di maggior successo delle reti televisive mondiali.

     (Logo: https://mma.prnewswire.com/media/704358/Rose_Palhares.jpg )

Istituito in origine dal Principe Ranieri III di Monaco, e ora sotto la presidenza onoraria del Principe Alberto II di Monaco, il Festival ha, per più di mezzo secolo, presentato il meglio della televisione mondiale. Celebrità, produttori, registi, scrittori e responsabili di studi cinematografici, network e piattaforme digitali si riuniscono ogni anno a giugno per assistere a lanci di serie, proiezioni in anteprima, conferenze, attività della stampa, eventi pubblici, incontri VIP e firma degli autografi.

Rose Palhares presenterà per la prima volta, al 58[°] Festival della televisione di Monte Carlo, una collezione di abiti per le attrici delle reti televisive mondiali candidate per ogni categoria.

Rose Palhares, Direttrice generale e fondatrice dell”omonimo marchio, sottolinea: ‘La collezione che ho disegnato vede la donna indipendente, elegante, sofisticata e forte. Di conseguenza, i miei capi devono evidenziare tale coerenza d”identità tramite pizzo, tessuti stampati, organza e tessuti africani’.

Nata in Angola e cittadina portoghese, Rose Palhares si è laureata in fashion design presso un”università brasiliana e ha ricevuto numerosi riconoscimenti: Creatore dell”anno a Moda Luanda (2017 e 2013), descritta da Vogue Italia (2016) come Stilista più interessante. Ha ricevuto i riconoscimenti Diva della moda in Angola (2017), Stilista internazionale dell”anno allaSettimana della moda angolana del 2015, Woman of Merit da GMA-Grupo das Mulheres Africanas (Gruppo delle donne africane) ed è stata definita ‘uno dei cinque stilisti da seguire da vicino nei prossimi anni’  da Elle South Africa (2016).

Presente in Portogallo (Lisbona) e Angola (Luanda), il marchio Rose Palhares propone moda su misura e prêt-à-porter.

Maggiori informazioni   

http://www.rosepalhares.com | https://www.facebook.com/RosePalhares/ |http://www.instagram.com/rosepalhares/?hl=pt

LISBONA, Portogallo e LUANDA, Angola, June 12, 2018 /PRNewswire/ —

Read Full Article

Il profumo da donna: quando la fragranza è la sua firma

Regalare un profumo a una donna è un gesto molto diffuso, specie quando si avvicinano le occasioni più speciali: mamme, sorelle, fidanzate, mogli, amiche, tutte amano sentirsi coccolate nel ricevere un pensiero, ma capita spesso che nella vastità di prodotti disponibili sugli scaffali delle profumerie ci si lasci conquistare dalla confezione, dal prezzo o dalle ultime tendenze, sbagliando completamente la scelta della fragranza.

Il criterio da seguire nella scelta dei profumi da donna non è affatto scontato: in linea generale pensiamo che preferire una fragranza fra tante dipenda solo dai gusti personali, ma in realtà è il nostro odore naturale a guidarci istintivamente verso di essa.

Ci avete mai fatto caso, quando in negozio fate la prova olfattiva di un prodotto, che avvertite il profumo in modo diverso sul cartoncino di prova dei tester e sul vostro polso? Questo accade perché a contatto con la pelle di ogni persona le fragranze si esprimono in maniera diversa sprigionando le loro note aromatiche.

Le fragranze dei profumi femminili

Note aromatiche, queste sconosciute! Ebbene sì, i profumi possono essere classificati in base alle note olfattive, che permettono di sentire la fragranza per una certa durata di tempo:

  • Le note di testa corrispondono alle componenti che si percepiscono subito dopo aver applicato il profumo e che evaporano poi molto velocemente. Sono a tutti gli effetti quelle che danno la prima impressione della fragranza e di solito hanno una profumazione fresca di agrumi o aromatica.
  • Le note di cuore rappresentano l’odore vero e proprio del profumo, la sua parte centrale, quella che appare immediatamente dopo la dissoluzione delle note di testa. Si tratta di odori più avvolgenti e morbidi, di tipo floreale o fruttato, che possono durare anche alcune ore.
  • Le note di fondo, infine, sono quelle che resistono più a lungo e che si avvertono solo dopo molto tempo. Corrispondono agli aromi del muschio, della resina, del cuoio, del legno e delle spezie.

I profumi in relazione alla concentrazione di olii essenziali.

Un’altra importante classificazione dei profumi va fatta a seconda della concentrazione degli oli essenziali. Se dopo anni di acquisti in profumeria non avete ancora ben chiare le differenze che esistono tra eau de parfum, de toilette e così via, ecco una delucidazione:

  • Il profumo vero e proprio (o essenza) ha la concentrazione più alta di tutte, compresa tra il 30 e il 50%, di conseguenza è la versione che persiste e costa di più.
  • L’eau de parfum ha una fragranza compresa tra il 10 e il 20%.
  • L’eau de toilette è più leggera e oscilla tra il 4 e l’8%.
  • L’acqua di colonia ha una concentrazione del 3% o poco più.
  • L’acqua profumata infine è quella meno concentrata, con meno del 3% di fragranza.

Una volta imparato a riconoscere le varie famiglie olfattive e i diversi tipi di formulazioni, l’ultimo passo sta nel far decidere all’istinto e alle emozioni. Potreste innamorarvi di un profumo e sceglierlo per anni e anni oppure cambiare fragranza a seconda dell’umore, oggi frizzante e sbarazzina, domani sensuale e misteriosa. Molte donne indossano profumi diversi anche in base alla stagione, al momento della giornata o all’occasione di utilizzo.

In sostanza, non ci sono regole scritte, perché il profumo va di pari passo con la personalità: deve suscitare le giuste sensazioni in voi e permettervi di suscitarle agli altri, per essere unica, inimitabile ma sempre riconoscibile.

 

 

Read Full Article

Alloro: Proprietà e Benefici

L’alloro, nome scientifico Laurus nobilis, è un sempreverde appartenente alla famiglia delle Lauraceae. La pianta è in possesso di diverse proprietà terapeutiche che vedremo in seguito. L’alloro può raggiungere i 10 metri di altezza anche se nei giardini viene coltivato come siepe e quindi, normalmente, non supera i 2 metri di altezza.

L’alloro è anche noto col nome lauro, è originario del Mediterraneo. Ai tempi degli antichi romani veniva utilizzato per incoronare e rendere onore a personaggi illustri e ai valorosi combattenti vincitori in battaglia.

Ai nostri tempi invece, grazie alle sue proprietà aromatiche, viene utilizzato soprattutto in cucina per aromatizzare i cibi.

Calorie 

100 gr di alloro hanno un apporto calorico pari a 313 kcal. 

Alloro: Proprietà e Benefici

Diabete

Uno studio del 2013 ha esaminato gli effetti dell’olio essenziale di lauro sul diabete mellito. Questa patologia è caratterizzata da un elevato livello di glucosio nel sangue a causa di una parziale o totale insufficienza dell’insulina. Anche se attualmente la patologia viene curata con insulina ed anti diabetici orali, la scienza è alla continua ricerca di nuovi farmaci e rimedi naturali.

primi risultati degli esperimenti in vitro mostrano che l’olio essenziale ottenuto dalle foglie inibisce l’α-glucosidasi. Questa proprietà suggerisce che l’olio intero potrebbe essere efficace nel trattamento del diabete.

Uno studio del 2009 sostiene che l’assunzione giornaliera di 1-3 gr al giorno di alloro può aiutare a ridurre i livelli di glucosio e di colesterolo nelle persone con diabete. Questi benefici secondo ai ricercatori sono da imputare ai polifenoli che sono potenti composti antiossidanti.

Digestivo

Con le sue foglie si preparano un liquore ed un infuso dalle spiccate proprietà digestive. L’infuso, oltre ad aiutare le digestione, purifica il tubo digerente e favorisce l’eliminazione dei gas intestinali.

Antibatterico

Uno studio del 2012 ha esaminato le proprietà antibatteriche ed antiossidanti dell’olio essenziale estratto dalle foglie di alloro. I suoi componenti principali sono l’eucaliptolo (27,2%), il linalolo (8,4%), il metilugenolo (5,4%), il sabinene (4%) ed il carvacrolo (3,2%).

I risultati hanno mostrato una forte attività antibatterica contro i batteri patogeni e contro i residui alimentari deteriorati. Questi risultati suggeriscono che l’olio essenziale di lauro ha un potenziale come alternativa naturale ai conservanti alimentari sintetici.

Calcoli Renali

Uno studio del 2014 ha valutato se l’estratto di foglie di alloro avesse proprietà utili a prevenire i calcoli renali. I ricercatori hanno rilevato che le foglie di lauro, insieme ad altre 8 erbe medicinali, erano in grado di ridurre la quantità di ureasi nel corpo.

L’ureasi è un’enzima che, in dosi eccessive, può causare disturbi gastrici compresi i calcoli renali. I ricercatori hanno però affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare tale proprietà.

Convulsioni

In un recente studio i ricercatori hanno scoperto che l’estratto di foglie di alloro è efficace nel proteggere i ratti contro le convulsioni. ora si attendono ulteriori conferme derivanti da studi sugli esseri umani. Se così fosse l’estratto di alloropotrebbe essere impiegato nel trattamento dell’epilessia.

Diuretico

Ha anche proprietà diuretiche ed antispasmodiche, favorisce cioè il rilassamento della muscolatura contratta. La sua assunzione è consigliabile alle donne perché è in grado di apportare benefici durante il ciclo mestruale.

La sua assunzione stimola ed aumenta il flusso andando così a diminuirne ildolore.

Espettorante

Le sue proprietà terapeutiche apportano benefici anche all’apparato respiratorio. Alcuni suoi costituenti svolgono funzione espettorante contrastando catarro e tosse grassa.

Ferite

Gli studi sugli animali finora hanno dimostrato che le proprietà dell’estratto di foglie possono ridurre l’infiammazione nell’area della ferita. Ora i ricercatori sono ottimisti sul fatto che le foglie potrebbero funzionare anche sugli esseri umani. Se così fosse la tradizione popolare di utilizzare le foglie di lauro per la guarigione delle ferite avrebbe finalmente un fondamento scientifico.

Artrite e Reumatismi

Gli studi confermano che nella terapia del massaggio l’olio essenziale è noto per alleviare i dolori causati dall’artrite e dai reumatismi.

Benefici al Sistema Nervoso

Le foglie della pianta sono utilizzate i diverse terapie, dalla cura dell’anoressia alla cura del raffreddore e dell’influenza ma non solo. Le proprietà dell’alloro o lauro, sono utili anche in caso di malattie legate al sistema nervoso, infezioni intestinali, infiammazioni della bocca e dolori reumatici.

Antitumorale

Secondo gli studi il composto chimico lauroside B isolato nel Laurus nobilis è uninibitore della proliferazione cellulare del melanoma umano (tumore della pelle).

Uno studio del 2014 suggerisce che l’estratto di foglie di alloro è un opzione naturale che potrebbe aiutare nel trattamento del tumore al seno. Secondo i ricercatori in infatti l’estratto può uccidere per apoptosi le cellule del tumore al seno.

Un ulteriore ricerca pubblicata su Nutrition and Cancer suggerisce che il lauropotrebbe essere utili nel trattamento del tumore al colon retto.

Sinusite

In caso di sinusite si consiglia l’utilizzo di in decotto o di un infuso di alloro. Grazie alla presenza di oli, il lauro apporta benefici in caso di influenza ed aiuta a ridurre la secrezione nasale.

Gengive e Voce

Per problemi alle gengive causati da infezioni si possono fare gargarismi con un bicchiere d’ acqua in cui sono state fatte bollire 10 foglie di alloro. Funziona anche in caso di abbassamento della voce. La pianta ha inoltre proprietà anti reumatiche.

Infuso di Alloro

Per la preparazione dell’infuso è necessario prendere 3/4 foglie, spezzettarle e riporle in una tazza insieme ad un po’ di scorza di limone. Nella tazza va poi versata dell’acqua bollente che va lasciata riposare per circa un quarto d’ora. In seguito si filtra e si addolcisce con miele o zucchero. Bere quando è ancora caldo.

L’infuso non ha solamente proprietà digestive. Si può utilizzare anche per mestruazioni dolorose, come antispasmodico ed in casi di bronchite.

Decotto di Alloro

Il decotto di alloro si utilizza prevalentemente per pediluvi e bagni rilassanti. Si prepara mettendo una manciata di foglie a bollire in una pentola d’acqua per circa 20 minuti. Al termine si filtra il decotto e lo si versa nella vasca insieme all’acqua per il bagno. In alternativa lo si può utilizzare per un pediluvio rilassante e tonificante.

Attenzione

Attenzione a non confondere la pianta dell’alloro Laurus nobilis con quella velenosa del Lauroceraso (Prunus laurocerasus).

Controindicazioni 

Non somministrare ai bambini con meno di 6 anni né alle persone con allergierespiratorie.

Alcuni composti dell’ alloro potrebbero creare complicazioni alle donne in gravidanza per cui, in questo caso, se ne sconsiglia l’uso.

Curiosità

L’olio essenziale si ottiene dalle foglie essiccate e dai rametti con il metodo della distillazione in corrente di vapore.

Si pensa che il nome della pianta prenda le sue origini dal verbo latino laudari. Forse è anche per questo motivo che il lauro veniva utilizzato per (lodare) incoronare le persone famose ed i combattenti vittoriosi.

È una pianta molto utilizzata nella medicina cinese e nella Medicina Ayurveda.

È conosciuto fin dall’antichità per le sue proprietà terapeutiche ed i suoi benefici sulla salute umana. Nelle opere letterarie di Ippocrate e di Plinio vi sono molti riferimenti alle proprietà terapeutiche della pianta.

La pianta dell’alloro è molto resistente e cresce bene su ogni tipo di terreno, resiste sia al caldo torrido che al freddo rigido.

Anche il termine laurea pare essere collegato al nome latino della pianta Laurus. Allo stesso modo in cui la pianta veniva utilizzata per la consacrazione dei vincitori il suo nome venne adottato per indicare il raggiungimento del podio più alto in termini di studio.

Le foglie vanno colte possibilmente durante la stagione primaverile. In questo periodo infatti sono più ricche di principi attivi.

Con le foglie fresche e l’alcool a 95° si può preparare un liquore con proprietàdigestive.

Alcune foglie aggiunte alla cottura dei legumi li rendono più digeribili. Le sue bacche invece vengono utilizzate per aromatizzare alcuni tipi di birra.

Le foglie si possono utilizzare per evitare che nei cereali si formino le tignole della farina. È sufficiente posizionare alcune foglie fresche di alloro all’interno degli armadietti in cui si conserva riso, farina etc.

Fonte: Alloro: Proprietà e Benefici

Read Full Article

Emangiomi Infantili: Sintomi, Cause e Trattamenti

Un emangioma è una forma di tumore benigno che colpisce i bambini, è per questo anche detto emangioma infantile o angioma infantile.

Colpisce le cellule dell'endotelio dei vasi sanguigni, la parete che li riveste internamente, e provoca una smisurata proliferazione delle sue cellule.

Generalmente un bambino è affetto da un solo emangioma, ma possono essercene anche più di uno in contemporanea, sparsi in luoghi diversi del corpo.

Questo tumore infatti può colpire sia la pelle, con il nome di emangioma capillare, sia gli organi interni, con il nome di emangioma cavernoso.

Le forme più comuni sono comunque quella cutanea e quella del fegato anche se non mancano casi di emangioma a cervello, occhi o stomaco.

Può essere localizzato sia sulla superficie che nell'ipoderma adiposo, con una prevalenza nelle zone di guance, labbra e palpebre superiori. La sua comparsa avviene spesso nelle prime due settimane di vita, ma non è presente fin dalla nascita, fattore che lo distingue dalle ben diverse anomalie vascolari congenite.

Vuoi saperne di più? Clicca su link per maggiori informazioni.

Sintomi

A meno che non comporti danneggiamenti a qualche organo per via del suo aumento di dimensioni, l'emangioma degli organi interni non provoca alcun sintomo.

La sua natura benigna porta ad una totale assenza di sintomi e spesso viene scoperto a causa di controlli di routine o effettuati per altri disturbi.

Capitano alcuni casi di difficoltà respiratorie, digestive o di minzione causate dalla sua crescita sproporzionata che portano alla scoperta.

L'emangioma cutaneo invece è ben visibile con un aumento di dimensioni della pelle che diventa di colore dal rosso vivo al blu/grigio a seconda della profondità del tumore.

Può assumere varie forme a seconda di come cellule e vasi sanguigni crescono che vanno da una bolla a formazioni informi con superficie zigrinata.

Non provoca generalmente dolore o fastidio e all'inizio può essere confuso con altre patologie temporanee della pelle. La diagnosi avviene tramite ecografia e TAC per accertarne dimensioni e formazione, a volte associate ad esame istologico che conferma la natura benigna.

Cause

Le cause di questo tumore sono attualmente sconosciute anche se alcuni studi hanno portato alla luce varie correlazioni. Anzitutto l'emangioma sembra essere tipico di zone di ipossia dei tessuti molli, ovvero aree poco irrorate che vanno in carenza di ossigeno.

Poi si è riscontrato un possibile fattore scatenante nell'aumento di estrogeni nel sangue che segue la nascita. Attualmente si conducono studi su un possibile ruolo del tessuto della placenta in gravidanza che però sono ancora agli inizi.

Decorso e terapia

Non provocando alcun sintomo doloroso o alcun danno il tumore non è assolutamente pericoloso anche se spesso antiestetico.

Più della metà dei casi però si riassorbe spontaneamente entro i 5 o 6 anni di vita. La quasi totalità invece scompare entro i 10 anni lasciando al massimo piccole tracce quasi invisibili.

Nel caso questo non dovesse accadere o la formazione fosse particolarmente grande e problematica esistono diverse terapie sia farmacologiche che chirurgiche.

Read Full Article

Rabarbaro: Proprietà e Benefici

La pianta del rabarbaro, nome scientifico Rheum Officinale, appartiene alla famiglia delle Polygonaceae. La pianta è originaria della Cina e cresce sia in Europa che in Asia. È una pianta perenne caratterizzata dalla presenza di grandi foglie e piccoli fiori. Le prime informazioni che riguardano le sue proprietàterapeutiche ci giungono dalla Cina. A fornirle è l’imperatore cinese Shen Nung  vissuto nel 2.700 a.C. Egli descrive appunto le qualità del rabarbaro nel suo libro di erbe medicinali.

Il nome rabarbaro deriva da due parole greche: ra che significa pianta e barbaron che sta a indicare che questa pianta era solitamente coltivata da popolazioni barbare. La pianta è abbastanza robusta e si adatta bene al clima ed al terreno in cui cresce. L’unica necessità che ha è quella di una buona irrigazione, soprattutto nei periodi di siccità.

Questo vegetale è anche ricco di antiossidanti tra i quali ci sono gli antociani e le proantocianidine.

Calorie   

Molto basse le calorie, 100 grammi di rabarbaro, hanno un apporto di 21 kcal.

Rabarbaro: Proprietà e Benefici 

Digestivo e Lassativo

Gli antichi romani e i greci lo utilizzavano in modo massiccio grazie alle sue proprietà terapeutiche. Il suo impiego principale è quello lassativo. Se assunto sotto forma di tisana prima dei pasti, può portare alcuni benefici al fegato ed alla digestione.

Contiene antrachinoni, composti che hanno proprietà lassative, dal lato opposto contiene anche tannini che hanno invece effetto astringente. Se assunto in piccole dosi il rabarbaro ha proprietà astringenti mentre in dosi più elevate funge da blando lassativo.

Scottature e Ferite

Da secoli è conosciuta la sua attività antinfiammatoria e, per uso esterno, viene impiegato per curare scottature e ferite.

Infezioni Intestinali

Viene impiegato in fitoterapia per combattere le infezioni dell’intestino. Infatti, grazie alle sue proprietà, riequilibra la situazione della mucosa intestinale.

Stitichezza e Diarrea

Questo vegetale viene spesso menzionato per le sue proprietà purgative che vengono usate per facilitare i movimenti intestinali. Secondo alcuni studi, se assunto in modo corretto (è necessario consultare un medico), può anche aiutare ad alleviare la stitichezza in modo naturale.

Continua

Fonte: Rabarbaro: Proprietà e Benefici

Read Full Article